Alla scoperta del ribes rosso: proprietà terapeutiche e benefici per la salute

ribes-rosso (1)Il ribes rosso, nome scientifico Ribes Rubrum, è una bacca di piccole dimensioni prodotta da una pianta della famiglia degli arbusti; dal sapore leggermente aspro ma delicato, le bacche sono piuttosto deteriorabili e vanno consumate al più presto. Comunemente usata per la produzione di ottimi sciroppi e dolci oppure consumata direttamente come bacca, pochi sanno che la bacca di ribes possiede notevoli proprietà benefiche e terapeutiche e per questo viene utilizzata per la produzione di rimedi naturali.
Come la maggior parte delle bacche presenti in natura, il ribes rosso è composto da un’alta percentuale di acqua, che raggiunge l’80%; presenta inoltre alti livelli di vitamina A, B, C e K e notevoli quantità di sali minerali (principalmente ferro, calcio, zinco, fosforo, sodio e potassio). Conosciuto fin dall’antichità come diuretico e antinfiammatorio, il ribes rosso si utilizza in fitoterapia e nelle pratiche di medicina tradizionale. E’ noto, dopo alcuni studi scientifici, come le bacche di ribes rosso agiscano sul surrene stimolando la produzione di cortisolo, l’ormone che aiuta l’organismo a gestire con successo lo stress.
Il ribes rosso trova applicazione come diuretico e regolarizzante del flusso, durante le infezioni che colpiscono l’apparato urinario; aiuta a eliminare le tossine che possono accumularsi nei reni e negli ureteri e disinfetta la vescica e l’uretra, nel caso di cistiti recidivanti o di coliche renali dovute a calcoli.
Grazie al suo effetto antinfiammatorio e lenitivo, il ribes rosso è indicato nel trattamento sintomatico del dolore reumatico a livello articolare, soprattutto nei casi stagionali. Le sue proprietà anestetiche e sfiammanti possono aiutare a gestire le crisi di dolore acuto.
Chi soffre di allergie stagionali, come quelle ai pollini o la febbre da fieno, può trarre giovamento dai consueti antistaminici abbinati al ribes rosso che, inibendo il rilascio dell’istamina, rende meno ricorrenti disturbi quali riniti, prurito e naso chiuso.
Le bacche di ribes rosso sono inoltre ricchissime di fibre che svolgono un’azione normalizzante del flusso intestinale, combattendo la stitichezza e regolarizzando il transito.
Nel caso di pazienti affetti da particolari patologie, si consiglia comunque cautela nell’assunzione, che deve essere effettuata sotto controllo medico.
Il modo migliore per assumere il ribes rosso è mangiare le bacche a colazione, insieme ai cereali; tuttavia in commercio esistono preparati a base di estratto di ribes oppure integratori alimentari in pastiglie, facendo però sempre attenzione ai livelli di zuccheri aggiunti.




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *