Celiachia

Celiachia, boom di casi: potrebbero essere quasi 600mila

Gluten FreeIl numero di persone affette di celiachia continua ad aumentare: dal 2012 al 2014 è aumentato di oltre il 15%. La celiachia, malattia autoimmune la cui unica cura è una dieta priva di glutine, è stata definita malattia sociale, poichè investe famiglia, scuola, strutture sanitarie e mondo del lavoro. E il fatto di essere definita tale ha fatto in modo che fosse inclusa nel programma statistico nazionale, per approfondirne i meccanismi di sviluppo e propagazione.

Da dati statistici del 2014, la celiachia colpisce 172.197 individui, 8mila in più rispetto al 2013 e 23mila in più rispetto al 2012. La metà delle persone affette da celiachia vive al Nord, mentre diventa minore verso Sud e Isole. La diffusione è per lo più femminile, con 121964 casi contro solo 50233 uomini affetti. Ma le analisi statistiche, basandosi su “previsioni”, stimano che i “potenzialmente” affetti da celiachia siano quasi l’1% della popolazione italiana, quasi 600mila persone.

La celiachia  viene scoperta prevalentemente in età infantile, anche se la maggior parte dei celiaci è adulta: i bambini sono una percentuale inferiore al 10%. Scientificamente parlando, la celiachia è una malattia autoimmune dell’intestino tenue: se un celiaco ingerisce glutine, il sistema immunitario interviene danneggiando i villi intestinali e provocando un assorbimento sbagliato delle sostanze nutritive. Ma quali sono i sintomi che possono far sospettare di essere affetti da celiachia?

Ne vengono indicati 19: disturbi intestinali cronici (dolore addominale, stipsi o diarrea), frequenti afte in bocca, orticaria, disturbi nella fertilità e carenza di ferro, oltre molte altre. La diagnosi avviene attraverso esami del sangue, esami genetici (test del dna) e in alcuni casi anche biopsia. Il fatto è che la patologia della celiachia ha un quadro clinico variabilissimo, come ricordato dalla A.I.C. (Associazione Italiana Celiachia), e risulta piuttosto difficile, da parte dei medici, intercettare i casi sospetti.

Non si guarisce dalla celiachia, ma la si può curare con diete adeguate, onde evitare rischi quali il linfoma intestinale




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *