Spuntino di mezzanotte

Fate spuntini notturni? Occhio alla memoria!

Gli spuntini notturni potrebbero danneggiare la memoria. A dirlo è uno studio su animali pubblicato sulla rivista eLIFE e condotto da Dawn Loh della University of California e che si potrebbe estendere anche agli esseri umani.

In questo studio-esperimento, effettuato sui topi, i ricercatori hanno indagato l’effetto degli spuntini notturni sulle funzioni cognitive come memoria e apprendimento. Divise le cavie in due gruppi, al primo sono stati fatti mantenere i propri ritmi, ad altri erano serviti spuntini nella fascia oraria in cui normalmente dormono.

 

E’ risultato che gli animali che si cibano nelle ore in cui si dovrebbe dormire, mostrano sensibili problematiche mnemoniche e cognitive, oltre a presentare anomalie nei liveli di alcuni tipi di proteine coinvolte nella logica dell’apprendimento.

Questi risultati potrebbero essere validi anche per gli esseri umani: non a caso alcuni lavoratori notturni, che spesso mangiano di notte, hanno performance inferiori in diversi test cognitivi.




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *