Gli alimenti che aiutano la memoria, eccoli!

Una corretta alimentazione aiuta a conservare l’integrità delle funzioni cognitive e a rendere
migliore la memoria. Mangiare il giusto cibo influenza il modo in cui il nostro cervello funziona.
Esistono degli alimenti specifici che contribuiscono ad aiutare la nostra memoria: vediamo qui di
seguito i sei “super alimenti” che tutti dovremmo mangiare per poter sfruttare la massimo le
potenzialità del nostro cervello.
Curcuma
Rinomata per i numerosi usi terapeutici, questa spezia aiuta l’organismo a rafforzare la memoria e a
stimolare lo sviluppo delle cellule cerebrali. La curcuma possiede inoltre proprietà anti-
infiammatorie ed antiossidanti ed è capace di calmare le infiammazioni delle cellule nervose. Non
solo, nei malati di Alzheimer aiuta anche ad inibire l’accumularsi di beta amiloidi distruttivi nel
sistema nervoso. La curcuma si presta alla preparazione di molti piatti arricchendoli col suo gusto
caratteristico, come ad esempio piatti di riso e verdure fresche saltate in padella.
Avocado
Questo delizioso frutto esotico tende ad aumentare l’afflusso di sangue al cervello, in virtù
dell’altissimo contenuto di omega ed omega 6. La vitamina E inoltre protegge l’organismo dai
radicali liberi. Può essere utilizzato per realizzare deliziose salse ma anche per insalate e toast
sfiziosi.
Cereali integrali
I carboidrati complessi, le fibre e gli acidi grassi presenti nei cereali integrali aiutano a mantenere il
cervello in salute poiché contrastano i danni dovuti ai picchi glicemici e prevengono le trombosi.
Cereali come bulgur e orzo hanno un basso indice glicemico, ciò significa che il rilascio di glucosio
nel sangue è più lento e ciò consente al cervello una fornitura costante di energia. I cereali integrali
sono ottimi nelle zuppe a base di verdura.
Mandorle
L’alto tasso di vitamina E in esse contenuto fa sì che proteggano il nostro cervello dalle patologie
legate all’età e migliorino le capacità di memoria ed apprendimento. Le mandorle possiedono anche
L-carnitina e riboflavina, nutrienti che vanno a stimolare l’attività cerebrale.
Tostate o al naturale possono essere uno spuntino perfetto, ma si possono anche aggiungere ai dolci
e alle insalate.
Cioccolato fondente
Per anni criticato, il cioccolato è in realtà un alimento molto salutare, specialmente quello fondente.
I flavonoidi in esso contenuti migliorano l’afflusso di sangue all’organo cerebrale, favorendo la
memoria e le funzioni cognitive. Teobromina e caffeina poi aiutano in modo particolare la memoria
a breve termine.
Mirtilli
Alcune ricerche scientifiche hanno appurato uno stretto legame fra un regime alimentare ricco di
mirtilli ed il miglioramento della memoria, specialmente quella a breve termine. Le sostanze
fitochimiche contenute e gli antiossidanti presenti in queste bacche hanno persino il potere di
ridurre i livelli di stress e di eliminare i radicali liberi. Come consumarli? Freschi insieme allo
yogurt oppure cotti in pancake e muffin.




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *