I grandi vini rossi del Piemonte: Il Barolo

Il Barolo è un vino a Denominazione di Origine Controllata e Garantita prodotto in aree riconducibili a specifici comuni Piemontesi.

Richiede un invecchiamento di almeno 38 mesi a decorrere dal 1º novembre dell’anno di produzione delle uve di cui almeno 18 in botti di legno.

Tutte le operazioni di vinificazione, invecchiamento e imbottigliamento, devono necessariamente essere eseguite nella zona DOCG.

La zona di origine delle uve adoperate per la produrre i vini a denominazione di origine controllata e garantita «Barolo», la cui prima delimitazione risale al 31 agosto 1933, comprende i territori dei comuni di Barolo, Castiglione Falletto e Serralunga d’Alba e parte dei territori dei comuni di La Morra, Monforte d’Alba, Roddi, Verduno, Cherasco, Diano d’Alba, Novello e Grinzane Cavour in provincia di Cuneo.

Questo grande vino ha un tradizionale colore rosso granato con riflessi aranciati, al naso si presenta intenso e persistente, con un patrimonio olfattivo eccezionalmente complesso, che tende a prediligere, a seconda dello stato evolutivo e dell’anno di maturazione, note fruttate e floreali come viola e vaniglia o come goudron e spezie.

In bocca le componenti forti e dure (acidità, tannini, sali) ma comunque risultano piacevolmente equilibrate da quelle morbide (alcoli e polialcoli), con una intensità e persistenza eccezionali che fanno del Barolo un vino potente, elegante e di grande personalità e carattere.

È bene sottolineare che, sebbene i comuni indicati siano molto vicini tra loro, esistono delle differenze organolettiche molto significative che contraddistinguono i vini prodotti nelle varie località. Merito dell’esposizione (in realtà poco variabile essendo obbligatori i vigneti a sud, sud-est, sud-ovest), ma soprattutto del suolo, ora argilloso, ora sabbio-argilloso, ora prevalentemente sabbioso. Il risultato è un climax in termini che consente di passare rispettivamente da soluzioni più strutturate a vini più morbidi e fruttati.

Il vino Barolo si abbina eccellentemente con piatti come arrosti di carne rossa, brasati, cacciagione, selvaggina, cibi tartufati, formaggi a pasta dura e stagionati. Come tutti i “grandi vini rossi”, può essere anche classificato come vino da meditazione.

Inoltre il Barolo è un ingrediente fondamentale per il buonissimo Brasato al Barolo, tipica ricetta della cucina piemontese.




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *