Olio d’oliva: quale, come, dove e quanto

L’olio di oliva è un derivato della spremitura delle olive con un procedimento meccanico a freddo, evitando l’utilizzo di sostanze chimiche, ottenendo così un olio sano dalle elevate qualità organolettiche e ricchissimo di sostanze nutritive, che lo rendono il re della dieta mediterranea. E’ utilizzano principalmente a scopo alimentare come condimenti di diversi piatti per evitare l’utilizzo di grassi animali correlati a patologie cardiovascolari. L’olio extravergine contiene acidi grassi insaturi, betacarotene, acido oleico, vitamine A, D e E, ferro, magnesio, calcio e potassio; è ricco inoltre di polifenoli, sostanze che difendono le cellule dai radicali liberi che le danneggiano e causano l’invecchiamento. Queste sostanze si mantengono intatte solo se l’olio è conservato in luogo fresco e non esposto alla luce solare.
oliodoliva2La scelta del tipo di olio di oliva dipende soprattutto dai gusti personali: gli olii più giovani tendono ad essere più ricchi di sostanze nutritive, mentre quelli più invecchiati hanno il pregio di possedere un sapore pieno e aromatico. In generale è meglio acquistare olio extravergine, ottenuto mediante spremitura a freddo e non sottoposto a calore o estrazione chimica. E’ un alimento completo, ricco di vitamine e sostanze nutritive, da usare però con moderazione, perché è comunque molto calorico: si consiglia di non consumarne più di 3 cucchiai al giorno, compreso quello che si utilizza per cucinare (1 cucchiaio contiene circa 90 calorie). Il suo utilizzo permette di sentirci più sazi a fine pasto, grazie alla presenza dell’acido oleico, e di evitare l’utilizzo di grassi animali. Nella famosa dieta mediterranea può essere usato a crudo per condire praticamente qualsiasi pietanza: dall’insalata fresca, al pane tostato, alle minestre fino alla carne alla griglia, mentre usato per cucinare perde alcune delle sue proprietà, ma è adatto come base per i sughi, per il soffritto dei risotti e per condire gli arrosti di carne bianca insieme ad un rametto di rosmarino.
L’olio di oliva è una sostanza poliedrica, dalle mille proprietà antiossidanti, antidolorifiche, calmanti e antinfiammatorie conosciute fino a 6000 anni prima di Cristo. Recenti studi hanno confermato che le donne che consumano costantemente piccole quantità di olio di oliva riducono significativamente il rischio di sviluppare cancro al seno.




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *