Peperoncino rosso

Peperoncino rosso, elisir di lunga vita

Adorate i cibi piccanti? Il peperoncino rosso, secondo uno studio dell’Università del Vermont, pubblicato sulla rivista Plos One, sarebbe in grado di ridurre la mortalità del 13%, soprattutto in relazione alle malattie cardiache e agli ictus.

Partendo dai dati della National Health and Nutritional Examination Survey III, su un campione di 16mila americani seguiti per 18 anni, gli studiosi hanno esaminato i livelli di salute dei partecipanti in base al consumo di peperoncino. E si è potuto verificare che i consumatori di peperoncino hanno una mortalità pari al 21,6%, rispetto al 33,6% di chi non lo consuma.

Sono diverse le spiegazioni possibili alla base dei benefici del peperoncino: la capsacina, componente principale del peperoncino, è importante nei meccanismi cellulari e molecolari atti a prevenire l’obesità e a favorire la circolazione sanguigna.

Inoltre possiede proprietà antibatteriche che influiscono, indirettamente, su flora intestinale,  e contiene al suo interno sostanze nutriente, come vitamina B, C e pro-vitamina A. Il consumo di peperoncino, spiega uno dei ricercatori, potrebbe essere consigliato nelle diete.

 




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *