Cottura microonde

Riscaldare i cibi già cotti: ecco i rischi e come prevenirli

La frenesia del lavoro ci porta spesso a dover scaldare il cibo già cotto in precedenza, per necessità, per pigrizia o semplicemente per comodità. Ma sarebbe necessario adottare degli accorgimenti, perchè potrebbe risultare pericoloso mangiarlo.

Uno dei più famosi divulgatori scientifici della BBC, Michael Mosley, sono diversi i rischi che si corrono riscaldando il cibo, se non si seguono procedure “corrette”. Mosley spiega, infatti, che alcuni cibi, se riscaldati nel modo sbagliato, manterranno batteri al proprio interno che potranno far insorgere intossicazione, come la salmonella, o anche più gravi.

Carni biancheUn batterio spesso presente nelle carni bianche, il Campylobacter, è molto dannoso e la sua presenza, anche in quantità ridotte può causare intossicazione. Il modo più efficace per uccidere i batteri è, ovviamente sottoporli al calore. Dopo la cottura nuovi batteri si formano sulle superfici del cibo e per ridurre la possibilità che ciò avvenga è consigliato lasciar raffreddare i cibi, magari coperti da pellicole, e non inserirli immediatamente in frigorifero. Inoltre conviene ricordarsi di non lasciare i cibi fuori dal frigo per più di 4 ore.

Quando poi si va a prendere il cibo dal proprio frigo per riscaldarlo, è molto importante controllare che, una volta riscaldato, non vi siano parti ancora fredde, perchè in esse potrebbero annidarsi batteri non debellati. Tale rischio è tangibile, soprattutto se si scaldano i cibi nei forni a microonde. E Mosley consiglia, difatti, di mescolare il cibo riscaldato al microonde.

Inoltre Eat Right, un’associazione americana di esperti nel campo dell’alimentazione, consiglia di verificare con un termometro per cibi la temperatura interna della seconda cottura, che deve essere di almeno 74°

Ma quali sono i cibi più a rischio? La FSA, acronimo che sta per Food Standards Agency, ha pubblicato una lista dei cibi potenzialmente pericolosi se non “correttamente riscaldati”:

  • la carne cotta e i cibi contenenti carne cotta (tipo i sughi di carne, il ragù ad esempio)
  • i condimenti contenenti panna o latte
  • il pesce e derivati
  • la pasta e il riso
  • i cibi contenenti uova, fagioli o alimenti comunque ricchi di proteine.

 

Quindi il consiglio migliore è riscaldare accuratamente i cibi, magari mescolandoli durante la cottura o, se efffettuata in microonde, interrompendo la cottura e mescolandoli prima di riprenderla, per evitare che alcune parti rimangano fredde.




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *