alimentazione pranica

Si può vivere cibandosi solo di aria?

Pensavate di averle già sentite e viste tutte? Invece no, visto che dal mistico Oriente, e precisamente dall’India, arriva la nuova frontiera dell’alimentazione: l’alimentazione pranica. In poche parole si tratta di cibarsi solo ed esclusivamente di aria ed è quello che fanno i seguaci del “respirianesimo”, che va ben oltre le ultime tendenza in quanto a estremismi alimentari. alimentazione pranica

Come si può sopravvivere solo di aria? Pare grazie alla semplice “energia”, assunta in modo naturale dal nostro corpo. Secondo Nicolas Pilartz, fondatore del gruppo Facebook italiano “Alimentazione pranica”, sopravvivere è anche e soprattutto una questione psicologica: “Se pensi che dopo una settimana morirai, questo succederà. È una sorta di autocondizionamento. In ogni cosa c’è l’influenza di quello che crediamo”. Affermare che si possa sopravvivere senza cibo è di certo cosa spinosa e potenzialmente dannosa. Pilartz dice che bisogna studiare e prepararsi per arrivare all’obiettivo di vivere letteralmente d’aria: “E’ un percorso di gioia, bisogna provare
gradualmente su se stessi e vedere come può funzionare su di te. Non bisogna soffrire, infatti il digiuno e l’alimentazione pranica sono due cose ben differenti”. In realtà pare proprio di sì, ma, continua Pilartz, “con l’alimentazione pranica ti nutri dell’energia del cosmo e quindi non ti indebolisci ma ti rafforzi, ti disintossichi, ti senti meglio e aumenta l’armonia con tutto ciò che ti sta intorno”.

Esiste anche un protocollo con regole ferree per avvicinarsi a quella che sembra una follia: “Si chiama il processo dei 21 giorni in cui il peso non deve scendere, non bisogna perdere energia, deve diminuire il tempo del sonno, perché il corpo si purifica, non è appesantito dalla digestione e si ha minore necessità di dormire”.

A questo punto molti di voi si porranno la domanda “ Quindi niente cibo, mai, in nessun caso? ” Non proprio, visto che ogni tanto si può decidere di mangiare “per socialità”. Mica per fame o necessità, nossignore: solo per socialità.




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *