Uovo

Un uovo al giorno leva l’ictus di torno

Il consumo di uova, fino ad una al giorno, riduce il rischio di ictus del 12%. E’ questo il risultato di uno studio effettuato dall’EpidStat Institute di Ann Arbor (Michigan), pubblicato sulla rivista Journal of the American college of Nutrition. E questo studio, inoltre, confermerebber l’assenza di rischi coronarici dall’assunzione giornaliera di un uovo.

L’analisi trae origini da studi condotti tra il 1982 e il 2015, legando le relazioni tra assunzione di uova e malattie coronare. L’autore principale della studio, Alexander Dominik, afferma che è necessario approfondire gli aspetti che portano a comprendere meglio la connessione tra il consumo di uova e l’insorgenza dell’ictus. Ma dallo studio evidenzia altresì che le uova hanno molti poteri nutrizionali positivi, tra cui gli antiossidanti, utili a ridurre lo stress ossidativo e l’infiammazione, oltre ad essere una fonte di proteine, che portano ad un abbassamento della pressione sanguigna.

Un uovo di grandi dimensioni, ha circa 6 grammi di proteine di alta qualità insieme con antiossidanti come la luteina e la zeaxantina, presenti nel tuorlo. Apportano al corpo quantità significative di vitamine e minerali, tra cui la vitamina A, la riboflavina, l’acido folico, la vitamina B6 e B12, la colina, il ferro, il calcio, il fosforo e il potassio.

Il problema principale è la quantità assai elevata di colesterolo, pari al 5&, circa 200mg per uovo, quando il fabbisogno quotidiano consigliato è di circa 300mg. La presenza delle lecitine favorisce però il trasporto del colesterolo dalle arterie al fegato, potenziando il colesterolo buono, i processi digestivi e le attività cerebrali.




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *