Dieta vegetariana

Vegetariani sì, ma limitando gli oli vegetali: porterebbero a mutazioni genetiche

Una nuova ricerca afferma che l’alimentazione green potrebbe essere portatrice di una mutazione genetica che in alcuni aspetti potrebbe presentarsi positiva, ma per altri pericolosa per lo sviluppo di cancro e malattie cardiache.

Ad affermarlo è la Cornell University su Molecular Biology and Evolution, che spiega come popolazioni che hanno condotto un tipo di dieta vegetariana per molte generazioni, presentano questa mutazione.

 

Lo studio ha analizzato centinaia di genomi di una popolazione principalmente vegeriana dell’India e più precisamente di Pune, comprandolo con persone onnivore del Kansas, riscontrando differenze ragguardevoli: un gene in particolare , il FADS2, che controlla la produzione di acidi grassi nel corpo, risulterebbe modificato.

Un altro effetto sarebbe però l’aumento della produzione di acido arachidonico, associato a malattie infiammatorie e di tumori se abbinato a una dieta ricca di oli vegetali, come l’olio di semi di girasole.

Una soluzione potrebbe essere l’uso di oli vegetali con basso contenuto di acido linoleico Omega 6, come l’olio d’oliva.




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *