Zenzero: perché inserirlo nella dieta è fondamentale?

Lo zenzero è una spezia dal sapore tipicamente piccante con una aroma molto gradevole.

Questa radice viene utilizzata principalmente in ambito fitoterapico ma negli ultimi anni sta diventando un ingrediente molto apprezzato anche in Italia.

Quando lo zenzero è utile al di fuori della cucina? Sicuramente presenza di: nausea, mal di mare, mal d’auto, dolore e tensione addominale oltre che per cattiva digestione.

Attenzione però, perché oltre ad avere proprietà benefiche, a qualcuno può arrecare talvolta bruciori di stomaco e secondo alcuni studi è sconsigliato anche durante la gravidanza.

Come riconoscere lo zenzero? Questa singolare radice presenta come un “tubero” di forma assai irregolare e con un colore mutevole dal marroncino al giallo tiepido.

I principi attivi che lo caratterizzano sono i gingeroli, zingerone e shogaoli, zingiberene e B-bisabolene, insieme a vari mono-terpeni.

Abbiamo visto che, in linea di massima, lo zenzero è un toccasana per l’organismo umano ma, a noi di Facile.Cooking, interessa vederlo in azione tra i fornelli.

Iniziamo dicendo che questo tubero non è tra i più economici in commercio. Infatti lo zenzero fresco da agricoltura biologica può costare fino a 10 euro al chilogrammo, ma non temete perché saranno sufficienti all’incirca 150-200 gr per ogni singola ricetta.

Scopri come arricchire i tuoi piatti con lo zenzero, su Facile.Cooking trovi ricette per tutti i gusti a base di zenzero.




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *